Ciao, mi chiamo Anthony van Dyck

Ti appassionano la cultura e le arti visive?

 

Bruges: la culla dei maestri fiamminghi

L'Agnello Mistico si trova a Gent, ma Jan van Eyck è almeno in parte un cittadino di Bruges. Dipingendo alla corte dei Duchi di Borgogna, donò alla città due capolavori assoluti. Per questo motivo, anche Bruges mette Jan van Eyck sotto i riflettori.

Bruges

Durante l'epoca borgognona, le Fiandre conobbero un secolo d'oro, un vero e proprio rinascimento. I duchi scelsero Bruges come una delle loro basi operative. Al tempo stesso, attrassero Jan van Eyck come pittore di corte che qui creò sue opere migliori, due delle quali si trovano ancora a Bruges. La "Madonna del canonico Van der Paele" conservata al Groeningemuseum, che in passato fu un hôtel partiuclier, mentre oggi è un museo. Qui si trova anche il famoso ritratto che Van Eyck dipinse di sua moglie Margaretha.

Questi due capolavori sono il punto di partenza dell'esposizione di Jan van Eyck a Bruges. Questa esposizione si concentra sulla vita, le opere e il processo creativo del gran maestro. Chi volesse immergersi ancora più in profondità nel suo universo, potrà farlo con la passeggiata Sporen van Jan van Eyck in Brugge (sulle tracce di Jan van Eyck a Bruges), che va alla ricerca dell'eredità lasciata dal maestro alla città.

Un altro must di Bruges è l'ex-farmacia Sint-Janshospitaal (Ospedale di San Giovanni). Anche questo edificio storico è oggi un museo e ospita alcuni capolavori di Hans Memling, primitivo fiammingo e contemporaneo di Van Eyck. Il suo famoso Reliquiario di Sant'Orsola ne costituisce il capolavoro indiscusso. Nel 2020, il Sint-Janshospitaal si focalizzerà sull'influsso tuttora esercitato da Memling sull'arte contemporanea.

Per maggiori informazioni: www.visitbruges.be

Il Barocco ti affascina?

Te ne parlo volentieri.

Il Barocco non è un movimento artistico. È uno stile di vita.

Chiedilo alle altre guide.