Maestri Fiamminghi

La cultura è ovunque: sui muri, nei piatti e nei bicchieri. È ora di visitare le Fiandre.

Ciao! Sono io, Bacco, dio del vino e ambasciatore dei momenti piacevoli. Rubens lo aveva capito molto bene, infatti mi raffigurava avvinto dalle mie passioni. Fino al 2020 accadranno molte cose nelle Fiandre. Festeggeremo i nostri Maestri Fiamminghi e io sarò la tua guida nel programma culinario.

Se pensi alle Fiandre, pensi al buon cibo e alla "joie de vivre".

Gli indirizzi giusti te li do io.

Mangiato e bevuto abbastanza? È ora di stimolare la mente.

Ti presento i miei amici.

Scopri il dipinto di Bacco

Bacchus

Peter Paul Rubens, 'Bacco' (1638-1640) - © The State Hermitage Museum, Saint Petersburg

Dipinto da: Peter Paul Rubens

Ciao a tutti! Sono io, Bacco, il famoso dio del vino e della dissolutezza. Sono il figlio di Zeus e della regina di Tebe, Semele, nonché uno dei più importanti e rispettati dèi del pantheon greco-romano. Alcune persone mi conoscono come Dionisio, ma puoi chiamarmi Bacco. Quello che più mi piace è godermi la vita. Sarò la tua guida alla scoperta della gastronomia delle Fiandre. Sono anche informatissimo sui fantastici festival musicali delle Fiandre.

I baccanali erano uno dei temi preferiti nelle opere di Rubens, sebbene mi abbia raramente rappresentato nei suoi dipinti. Forse è proprio questo il motivo per cui Rubens mi dipinse con tanta dedizione. Per tradizione, gli altri pittori mi raffigurano come un giovane snello dal volto attraente. Rubens invece mi dipinse come un viveur corpulento e flaccido. Sto seduto sul mio trono: una botte di vino. Come puoi notare, una delle mie gambe si oggia su una tigre e l'insieme dell'immagine mi fa sembrare allo stesso tempo ripugnante e maestoso. Rubens mi ha concepito come "l'apoteosi della fecondità della terra e della bellezza dell'uomo e dei suoi istinti naturali". Beh, sono colpito! In termini di tecnica pittorica, questa è sicuramente una delle perle della collezione dell'Ermitage.